Dona

team_image
Clavicembalista e insegnante di Tastiere Storiche e Basso continuo

Enrico Baiano

È famoso in tutto il mondo come studioso di Domenico Scarlatti e come esecutore. Ha registrato tre CD interamente dedicati alle sonate di Domenico Scarlatti al clavicembalo e al fortepiano. Tra le altre registrazioni: Concerti di Vivaldi trascritti per clavicembalo (manoscritto “Anne Dawson”); Froberger; Frescobaldi; Antonio de Cabezon; Sonate di Pietro Domenico Paradisi; Musica del seicento napoletano e molte altre.
Come continuista ha suonato per circa vent'anni in gruppo con l'orchestra barocca «Pietà de' Turchini»; ha partecipato alle registrazioni e alle rappresentazioni pubbliche di molte opere barocche, non solo come continuista ma anche come esperto di prassi esecutiva.
Ha pubblicato un libro sulla tecnica clavicembalistica tradotto in sei lingue compreso il giapponese, e il suo libro più recente è una monografia sulle sonate di Domenico Scarlatti, con Marco Moiraghi (2014).

team_image
Professore Associato di Musicologia e Storia della Musica all'Università di Roma - «Tor Vergata»

Teresa Maria Gialdroni

Ha pubblicato ricerche su musica, opera e cantata nel XVII e XVIII secolo, e si è occupata di metodologia della ricerca. Ha pubblicato su importanti riviste musicologiche come «Studi Musicali», «Rivista Italiana di Musicologia», «Analecta Musicologica», «Revista de Musicología», «Early Music».
È organizzatrice di congressi di musicologia ed è membro dei comitati editoriali di Fondazione Arcadia e della SeDM, la casa editrice della Società Italiana di Musicologia.
Esperta di cantate con particolare riguardo alle cantate di Leonardo Vinci, è fondatrice di Clori, Centro Studi sulla Cantata Italiana. Il database di Clori è tenuto dall'Università di Roma - «Tor Vergata», sotto la sua direzione.

team_image
Professore associato in Storia della Musica e Musicologia all'Università di Manitoba, Canada

Kurt Sven Markstrom

Specializzato in Opera italiana del XVII secolo, ha contribuito al «New Grove Dictionary of Opera» e al «New Grove Dictionary of Music and Musicians». Il suo libro sulle opere di Leonardo Vinci, The Operas of Leonardo Vinci, napoletano, fu pubblicato nel 2007 dalla casa editrice Pendragon Press, e sta lavorando a un secondo libro sulla vita e le opere di Nicola Porpora.
Ha curato edizioni, per l'esecuzione, di varie opere di Vinci: Eraclea, Catone in Utica e Silla dittatore. Ha inoltre pubblicato, tra le altre, l'edizione critica dei «Vespri» di Nicola Porpora (A-R Editions, «Recent Research in the Music of the Baroque Era»).

team_image
Professore di Musicologia e Storia della Musica al Conservatorio «San Pietro a Majella» di Napoli

Paolo Giovanni Maione

È esperto di musica e cultura a Napoli nei secoli XVII e XVIII. Ha insegnato in Spagna
al «Conservatorio Superior de Música de Málaga» e in vari Conservatori e Università italiane. Membro del Consiglio DIrettivo della «Rivista Italiana di Musicologia» dal 1998 al 2003, è ora direttore scientifico del settore Congressi della Società Italiana di Musicologia. È membro del comitato scientifico di varie Edizioni critiche complete, in particolare dell'edizione critica «Pergolesi Opere Complete / Complete Works».
General Editor del progetto «Opera Buffa. Napoli 1707-1750», edizione web di tutti i libretti per musica di opere buffe napoletane del periodo.
I suoi molti scritti, libri e saggi da rivista, ruotano principalmente sulla Scuola Napoletana, sulla quale ha scritto sei voci nel «New Grove Dictionary of Music and Musicians».

team_image
Musicologo indipendente e clavicembalista

Domenico Statuto

Ha pubblicato studi sulla trasmissione manoscritta del Judicium Salomonis di Giacomo Carissimi sulla «Rivista Italiana di Musicologia» e su altre riviste musicologiche.
Come editore critico, ha pubblicato tutte le cantate barocche su testi in napoletano, ha curato l'edizione critica del Judicium Salomonis e sta lavorando su Li zite ngalera per la «Leonardo Vinci Opera Omnia».
È l'organizzatore del comitato scientifico e incaricato della ricerca dei fondi, della pubblicazione e dei contatti con le biblioteche proprietarie delle fonti manoscritte necessarie all'edizione dell'opera omnia di Vinci.